Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 gennaio 2012 7 29 /01 /gennaio /2012 13:04

Oggi apro una breve parentesi per cominciare a parlare del Monte più misterioso, "famoso" e discusso (anche in un recente programma di Italia 1, Mistero) della zona: il Musiné.

 

musinà-da avigliana

 

Questo e un brevissimo riassunto per cominciare a introdurvi l'argomento, che come vedremo spazierà dall'archeologia, all'astronomia, all'ufologia, alle leggende sulle masche (streghe)…

Insomma: sul Musiné, dalla notte dei tempi, pare che accadano cose "meravigliose"…

Ecco alcuni "assaggi" in sintesi.

 

 

Il Musinè, monte sacro

Nel 313 dopo Cristo, secondo un’interpretazione della nota leggenda, Costantino avrebbe visto in cima a una montagna una croce infuocata con la scritta: In hoc Signo Vinces, “Con questo segno vincerai” (1), decidendo così di adottare la religione cristiana come religione di Stato. Non tutti sanno però che la montagna in questione – secondo alcuni "storici valligiani" di parte? – sarebbe il Musinè, nella Bassa Val di Susa, a ridosso di Torino, considerato da sempre un (o forse “il”) monte sacro (2) dalle forti connotazioni magiche.

Oltre all’episodio della Croce di Costantino, in questo luogo sarebbero ambientate infatti leggende medievali le più stravaganti, storie di streghe – le masche del folklore locale –, di misteriosi maghi bianchi sbucati da caverne sotterranee, storie di folletti e di fantasmi…) e negli ultimi anni ufologiche.

A tale proposito, nell’anno 1973, «La Stampa» e «Stampa Sera», nei primi giorni di dicembre, riportarono numerosissimi articoli di avvistamenti, sul Musinè ma in generale su tutto il Torinese, di luci colorate, palle infuocate: insomma, di UFO veri e propri! E da qui il salto della tradizione “esoterica” piemontese fu breve: si cominciò a parlare di basi extraterresti sotterranee, di materiale radioattivo e di minerali presenti solamente nel Musinè e in altri due o tre luoghi della Terra, il tutto nascosto ovviamente nel cuore sacro della montagna…).

 

 

La trattazione del binomio “Mistero e Musinè” è però molto lunga, non possiamo certo finire qui il viaggio: torneremo presto a far rotta su questa montagna magica!! (che, va detto, è a poca distanza dalla "nostra" Ocelum, dunque sicuramente, per i sacerdoti-druidi del tempo, il musiné costituiva una zona sacra sopraelevata su cui celebrare riti).

 

A presto allora, con questo nuovo fronte di ricerca che ha a che fare prevalentemente con le categorie del "magico", del "leggendario", del "misterioso".

 

musine-sacra.jpg

 


1. In cima al Monte Musinè fu edificata un’enorme croce in cemento armato, ben visibile dalla Valle sottostante, nel 1901. Ecco parte de testo inciso sopra: IN HOC SIGNO VINCES / A PERPETUO RICORDO DELLA 
VITTORIA DEL CRISTIANESIMO
 CONTRO IL PAGANESIMO
 RIPORTATA IN VIRTÙ DELLA
 CROCE NELLA VALLE 
SOTTOSTANTE IN PRINCIPIO 
DEL SECOLO IV
 / SUA MAESTÀ IL RE
 VITTORIO EMANUELE []”.

 

2. Secondo la tradizione celtica locale, giunta fino a noi, le montagne sacre della zona sono tre: il Musinè, il monte Pirchiriano (su cui poi sorse la Sacra di San Michele, simbolo della Regione Piemonte) e il Rocciamelone (la montagna più alta di questo settore di Alpi).

 

 

 

Ecco infine un simpatico video che ho appena trovato su intenet (il primo che ho aperto): tanto per rendere l'idea del binomio "Musinè-UFO" che, a partire dagli anni Settanta, qui in Val di Susa è piuttosto "di moda".

 

 


 

 

Condividi post

Repost 0
Published by ocelum-rama - in Articoli
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di ocelum-rama
  • Blog di ocelum-rama
  • : sulle tracce delle misteriose civiltà di Rama e di Ocelum in Val di Susa. Ritrovamenti e rivelazioni.
  • Contatti

Link