Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 gennaio 2012 1 23 /01 /gennaio /2012 15:53

Nei video precedenti mi avvicinavo al sito (una grande roccia piatta, "fin troppo" levigata, con una specie di scalino scolpito a ovest, una "grotta" a ovest, sotto di essa).

Torniamo ora a est e scendiamo finalmente le scale – perché, alla base dell'antico altare celtico (ci sembra di aver visto, alla fine del primo video) c'era appunto una scaletta in pietra che scendeva sotto terra…

Si tratterà di una cripta, di una camera sepolcrale celtica? Non c'è dubbio che l'ingresso della stanza sotterranea, alla fine delle scalette, con l'architrave "inutile", solamente decorativo, in pietra, lascia pensare a motivi simbolici, "estetico-architettonici": dunque di una specie di antico Dolmen… (uno dei pochissimi ritrovati in Piemonte?).

 

Andiamo al video dunque!!

 


 

 

 

 

Inutile dire che non ho trovato niente, all'interno (ci son tornato anche ieri, in compagnia questa volta del mio fedele nipotino Ciccio Jones, con Mamma Jones che aspettava in superficie…). La tomba – se di tomba si trattava – essendo così aperta e accessibile, è stata sicuramente "visitate e ripulita" in passato, più volte. Va detto infatti (ora lo possiamo raccontare…, ma quando ho fatto la scoperta non ne sapevo niente, e provenivo dai pendii rocciosi a ovest, e non da est…, e per me è stata realmente una scoperta straordinaria!) che questo Dolmen è poco lontano da una pista panoramica in ghiaia. La cosa "inquietante" però è questa: tutt'attorno a quell'area, ieri, ho individuato altri tre-quattro Tumuli, mucchi arrotondati di pietre, assai singolari, e ho la convinzione che, senza rendersene conto, i simpatici "celti autoctoni contemporanei" che hanno edificato l'area "pic nic"… semplicemente non si sono accorti di nulla, limitandosi a evitare le antiche Tombe dei loro antenati mentre costruivano la nuova fiammante stradicciuola, ottima pista ciclabile!, e le panchine per ascoltare Tuttoilcalciominutoperminuto la domenica pomeriggio, i tavolini per gozzovigliare, la fontana (l'ex fonte sacrale) da prosciugare "predatoriamente", e "proditoriamente"… In poche parole, non si sono accorti che quello era un antico cimitero, o comunque un'area sacra, e avrebbero fatto bene – credo – a non profanarlo così impunemente.

 

Oggi come potete immaginare… Rubiana Jones ha la febbre e il mal di stomaco (per l'influenza? o per quello che ha visto?) e ha, come talvolta accade, un'energia "dal gusto vagamente acre" (chi lo conosce bene sa che è un vecchietto simpatico all'apparenza, ma con un pessimo carattere!!)

Ecco le sue ultime parole "millenariste"… ("Ogni tant, cum a sdìs, ai giru le bale anche a chièl!" - scriviamo in un piemontese improbabile che farebbe rivoltare nelle tombe poco lontane i nostri Vecchi…) :-)

 

… Pertanto immagino un futuro in cui i "fastidiosi" mucchi di pietre (che stranamente si trovavano lì, in quella zona della Bassa Val di Susa, impareggiabile per bellezza panoramica) rimarranno poco per volta dimenticati, invasi dai rovi e soprattutto dalle immondizie che i "neoprimitivi della domenica" gentilmente, progressivamente, ammucchieranno su quelle collinette buffe, pietrose, circolari… (che diverranno certamente, però, assai più colorate e buffe!).

Va peraltro ricordato (e qui mi attirerò forse le inimicizie degli amici NO TAV, che pur sostengono con forza, e passione vera, una giusta causa ecologista e una valorizzazione del patrimonio storico-culturale del territorio) che proprio una gigantesca scritta "NO TAV" appunto sorge a lambire gli antichi circoli. Vi assicuro che da lontano è una scritta bellissima e condivisibile – e hanno tutta la mia stima e il mio appoggio, cfr. Una chiave di lettura esoterica alla TAV – ma da vicino, vi posso garantire, sembra purtroppo, solamente, l'inizio del processo di "immondiziazione", passatemi il neologismo, di cui sopra…).

Sembra lo spunto adatto per una moderna rivisitazione di Marcovaldo – libro impareggiabile, ambientato, tra l'altro, a detta di molti, nella vicina Torino. E invece temo che siano "la follia e l'oblio" del Presente storico, in questo imbarbarimento del "popolo celtico" che farebbe drizzare i peli rossicci dei nostri Vecchi, gli Avi Valligiani, "quelli del Clan di Ocelum", per intenderci… – di cui, purtroppo, sembriamo ignorare anche la stessa esistenza nel Passato, ma che, vi assicuro, ci guarderebbero (e forse ci guardano!…) ancora oggi, con la mascella staccata, proprio da quelle "pietre circolari da immondizia".

 

 

O tempora o mores

 

 Rubiana Jones basito…

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Blog di ocelum-rama
  • Blog di ocelum-rama
  • : sulle tracce delle misteriose civiltà di Rama e di Ocelum in Val di Susa. Ritrovamenti e rivelazioni.
  • Contatti

Link