Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 dicembre 2011 1 05 /12 /dicembre /2011 23:54

Questa è bella, però!

Il mio amico Marius me ne aveva parlato, forse, ma evidentemente non avevo colto la portata della notizia: un libro di fantascienza che parla di Rama, un asteroide che cade in Pianura padana!!

L'articolo che sto pubblicando qui "a puntate" su Rama (part I e II) parlava diffusamente di una cosa "stranamente" simile...

Mi "autocito" – cfr.  Rama: una leggendaria città megalitica (part I)   Rama: una leggendaria città megalitica (part II) –  quando riporto le citazioni da OvidioPlatone...

 

L’antico nome del fiume torinese è addirittura citato nelle Metamorfosi (libro II, vv. 1-332) di Ovidio, poeta latino vissuto attorno al 30 a.C.:


«Il cocchio del Sole andò a riscaldare l’Orsa Maggiore che cercò invano refrigerio nel mare, con il suo calore risvegliò il Drago prima inerte, fece fuggire sconvolto il Bifolco; e quando giunse presso la costellazione dello Scorpione, Fetonte ebbe paura delle sue chele e della sua coda velenosa, e lasciò cadere le redini. 
I cavalli si diressero allora verso il basso e la Terra venne riarsa: fu così che la Libia diventò un deserto, la pelle degli Etiopi si fece nera e molti mari si prosciugarono. Per porre termine a tali disastri, Zeus colpì Fetonte con la sua folgore, facendolo precipitare nell’Eridanus, dove morì».

 

 


E ancora tratto dal mio articolo (qui sul Blog) su Rama…

Ma è Platone stesso a parlarci di questo evento “apocalittico” raccontato poi da Ovidio – la caduta dal cocchio del Sole guidato da Fetonte nel fiume Po, l’Eridanus – nel suo famoso testo il Timeo (in cui si narrano “guarda caso” anche le misteriose vicende di un’altra mitica città-civiltà del passato, Atlantide…

 

«Allora uno dei sacerdoti assai vecchio disse: «Solone, Solone, voi Greci siete sempre bambini, e non esiste un Greco vecchio».

E Solone, dopo aver ascoltato, chiese: «Come? Che cos’è questa cosa che dici?».

«Siete tutti giovani» rispose il sacerdote «nelle anime: infatti in esse non avete alcuna antica opinione che provenga da una primitiva Tradizione e neppure alcun insegnamento che sia canuto per l’età. E questa è la ragione. Molte sono e in molti modi sono avvenute e avverranno le perdite degli uomini, le più grandi per mezzo del fuoco e dell’acqua, per moltissime altre ragioni altre minori.

Quella storia che presso di voi si racconta, vale a dire che un giorno Fetonte, figlio del Sole, dopo aver aggiogato il carro del padre, poiché non era capace di guidarlo lungo la strada del padre, incendiò tutto quel che c’era sulla terra, e lui stesso fu ucciso colpito da un fulmine, viene raccontata sotto forma di mito, ma in realtà si tratta della deviazione dei corpi celesti che girano intorno alla terra e che determina in lunghi intervalli di tempo la distruzione, mediante una grande quantità di fuoco, di tutto ciò che è sulla terra».

 


Ma veniamo "al bello" di oggi.
Innanzitutto, scopro dell'esistenza di questi romanzi di fantascienza:

Arthur_C_Clarke_Rama_II.jpg

incontro-rama_clarke.jpg
Ma soprattutto mi fa saltare giù dalla sedia leggere da Wikipedia: (cfr. link)
N.B. Arthur C. Clarke (cfr. link) non è proprio l'ultimo degli scrittori di fantascienza - anzi, direi è decisamente da collocare in prima fascia!! (basti pensare a 2001: Odissea nello Spazio tanto per citare una sua opera…)
Ma leggiamo la citazione da Wiki sorprendente (per la coincidenza asteroide - pianura padana - val di susa - Rama…):
Incontro con Rama (titolo originale Rendezvous with Rama) è un romanzo di fantascienza scritto da Arthur C. Clarke, pubblicato nel 1972.
[…]

Trama

In seguito alla caduta avvenuta l'11 settembre 2077 di un grosso meteorite sulla Pianura Padana, che causa un numero ingente di vittime e devastazioni, viene approvato il progetto Guardia Spaziale che ha il compito di catalogare e studiare l'orbita di ogniasteroide presente nel sistema solare affinché simili incidenti non possano più ripetersi. Nel 2130 i radar installati su Marte appartenenti alla Guardia Spaziale avvistano un grande oggetto, che viene inizialmente classificato come un asteroide; successivamente, col progressivo avvicinarsi dell'oggetto al Sole, si fa sempre più concreta la possibilità che possa trattarsi di una struttura artificiale di una cultura aliena.

La notizia suscita notevole scalpore e i governi della Terra decidono in tutta fretta di organizzare una missione col compito di raggiungere e studiare l'oggetto a cui, in onore alla religione induista, viene assegnato il nome Rama, dato che non sono più disponibili divinità del pantheon classico.

 

rama_and_the_squirrel_at_rameshwaram_hd72.jpg

 

Allora, cari lettori, ci potete credere?

Solo coincidenze?

Dopo tutto quello che stiamo scoprendo sulle origini del mito di Rama in Val di Susa… non direi.

(E a proposito di Rama – il nostro Rama! – associato alla religione induista, ne vedremo ancora delle belle…).

 

A presto!

 

Gordon Mc Cohen

 

Condividi post

Repost 0
Published by ocelum-rama - in Documenti
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di ocelum-rama
  • Blog di ocelum-rama
  • : sulle tracce delle misteriose civiltà di Rama e di Ocelum in Val di Susa. Ritrovamenti e rivelazioni.
  • Contatti

Link