Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 maggio 2012 3 23 /05 /maggio /2012 12:23

Schermata-2012-05-23-a-12.19.29.png

 

Rubiana Jones questa volta è andato in pellegrinaggio dagli avi, nell'ormai abbandonata (da oltre 50 anni) borgata Cogerino. Poco sotto il centro abitato, a oriente, c'è ancora un grande riparo sotto roccia (sicuramente utilizzato in epoca neolitica) sormontato da una roccia davvero suggestiva, con una lunga canalina scoplita e numerose coppelle (un'ulteriore conferma che anche queste zone di Rubiana, come il vicino colle Giuràn – di cui ci occuperemo presto, su cui son stati trovati dagli archeologi "ufficiali", e da Rubiana Jones stesso, e dal suo amico Piero, ben prima!!, frammenti di terracotta del IV millennio a.C. !! – fin dall'antichità più remota son state visitate e abitate.

 

Ecco le prime immagini: l'altare neolitico con canalina e coppelle (non si capisce dalle foto, ma a oriente della roccia c'è uno strapiombo di 3-4 metri):

coger_canalina2.JPG

coger-canalina.JPG

 

 

coger-coppelle.JPG

 

coger_canal_copp.JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poco dopo Rubiana Jones è salito in cima al colle (circa 1000 metri)

Come si può vedere nel particolare della cartina di fine 700, questa montagna si chiamava "Molar della croce": ci si aspetterebbe quindi di trovare una croce (così come nel vicino monte Giuràn). E invece… di croci incise nella roccia ne troviamo due!!

Ecco la prima (alla base del "menhir" più alto in cima al colle).

 

menhir-croce.JPGcroce_croce.JPG

 

Sul lato opposto della radura, verso oriente, c'è invece un secondo piccolo "menhir" con croce (come si può osservare, si tratta di incisioni molto antiche, erose dai secoli di agenti atmosferici e già colonizzate dai licheni, piante che crescono di pochi cm ogni secolo…)

 

menh2-croce2.JPGcroce2-primo-p.JPG

 

 

Ora, alcune osservazioni di carattere "linguistico" e "toponomastico".

Il fatto che nel '700 questo colle non avesse un nome preciso (solitamente, ogni area del paese prendeva il nome dal "clan", dalla famiglia o casata che lo abitava – come si vede nella cartina, "Giorda", "Gerbido", "Giraud"... ) ma si chiamasse "molar della croce", significa che queste croci anche all'epoca dovevano avere un'importanza simbolica, storica, notevole – e non sono dunque croci coeve incise per delimitare i confini (in altra sede pubblicherò foto di queste croci, che proprio nel XVIII e XIX secolo venivano incise analogamente: sono assai meno levigate e rovinate dal tempo, e spesso presentano le iniziali dei nomi dei paesi di confine, o addirtittura la data. Credetemi: queste son croci antiche!

Inoltre: che cosa significa "Molar", nome che compare anche in questa piccola porzione di cartina, in altri due casi? Significa, a giudicare dai luoghi in cui è indicato, "colle", o "radura in cima a una collina". Ma in che lingua? Secondo il sognatore R.J.… il perduto (a differenza del Gallese e del Bretone, ad es.) linguaggio Gallico!!

 

Copincollo da internet: un sito in cui è presente un Dizionario celtico. link

 mello = montagna collina 
 melo = montagna collina 

 iura = bosco montano 

 

Rubiana Jones naturalmente ha una teoria che spiega tutto: una popolazione celtica (gallica!) proveniente dalla zona francese del Jura si trasferì nel I millennio a.C. a "Rubiana": da qui il nome del colle Giuràn (con resti anche di abitazioni dell'età del Ferro), e di tutti i cognomi delle casate "rubianine d.o.c.,", che mantengono tutti la radice del toponimo (Giorda, Girodo, Cogerino, Girardi…). E da qui il nome stesso di Rubiana: dalla divinità celtica "Arubianus".

 

Insomma, un vero pellegrinaggio per Rubiana Jones, sulle tracce degli antichi avi gallici… (e poco lontano, naturalmente, c'è ancora oggi la bella Borgata Giangallo…!!). ;-)

 

A presto dall'onirico (?) archeologo muntagnìn

R.J.

 

 

jura

 

Note come consuetudine, da Wikipedia:

 

 

Massif du Jura

 

Le Jura est une chaîne de montagnes culminant à 1 720 m d'altitude, située au nord-ouest des Alpes, en France,Suisse et Allemagne. Elle a donné son nom au département français du Jura et au canton suisse du Jura, et en géologie au Jurassique.

Le parc naturel régional du Haut-Jura se situe dans le centre-sud du massif du Jura, côté français.

 

Étymologie[modifier]

Le mot Jura vient à l'origine des langues celtiques. Les Celtes nommaient ce massif Jor, les Romains Juris, ce qui signifiait « forêt » ou « pays de forêts ». Ce nom a peut-être été donné en référence aux vastes forêts des pentes du Jura.

 

 

 

E inoltre… una "curiosità", uno stimolo finale: Rubiana Jones è convinto che l'impronunciabile, l'incomprensibile,

l'impossibile lingua di Rubiana, il Rubianìn, parlato ormai soltanto da pochissime persone, perlopiù anziane,

sia l'unico caso esistente oggi di lingua gallica – data per perduta.

Faremo ricerche al proposito...

Ecco intanto da Wiki:

 

Lingua gallica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussolaDisambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gallico (disambigua).

Ilgallicoè unalingua celticaestinta, parlata nelle anticheGallie(odierneFranciaedItalia settentrionale), prima dellatinovolgare del tardoImpero Romano.

Gallico 
Parlato in Europa centrale ed occidentale
Periodo VI secolo a.C. - VI secolo
Classifica estinta
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Celtiche
  Celtiche continentali
   Gallico
Codici di classificazione
ISO 639-2 cel (celtiche, altra lingua)

Condividi post

Repost 0
Published by ocelum-rama - in Documenti
scrivi un commento

commenti

ale 05/24/2012 13:07

consiglierei a Rubiana Jones di registrare qualche anziano nativo che parli ancora il rubianino, finché è in tempo, perché la strada della ricerca linguistica potrebbe portare molto lontano, forse
ancora più delle pietre...

Presentazione

  • : Blog di ocelum-rama
  • Blog di ocelum-rama
  • : sulle tracce delle misteriose civiltà di Rama e di Ocelum in Val di Susa. Ritrovamenti e rivelazioni.
  • Contatti

Link